Refugess arrive in greece
ggia (CC BY-NC-ND 2.0)

Pressemitteilung


de | en | it

Wir brauchen Seenotrettungsprogramm für das Mittelmeer

Mission Sophia


Die Bundesregierung hat angekündigt, die Mission Sophia nicht zu verlängern. Mit der Mission wurden bisher 45.000 Menschen auf dem Weg in die Europäische Union vor dem Ertrinken gerettet. Allein am vergangenen Wochenende ertranken über 100 Menschen. Ska Keller, Vorsitzende der Grünen/EFA-Fraktion im Europäischen Parlament und Spitzenkandidatin der Europäischen Grünen für die Europawahlen, kommentiert:

„Die Bundesregierung muss sich für Seenotrettung im Mittelmeer einsetzen. Wir brauchen ein europäisches Seenotrettungsprogramm, an dem sich alle Staaten beteiligen und die Aufnahme der Flüchtlinge geregelt ist, damit die Verantwortung fair geteilt ist.

Die Blockade der italienischen Regierung und die Unfähigkeit der EU-Regierungen, sich auf eine Verteilung der Flüchtlinge zu einigen, kostet Menschenleben. Die EU-Regierungen dürfen ihre Augen vor der humanitären Katastrophe nicht verschließen und müssen ihre Häfen öffnen, Flüchtlinge aufnehmen und legale Fluchtwege in die Europäische Union ermöglichen."

I Verdi Europei: "Abbiamo bisogno di un programma di salvataggio per il Mediterraneo e non di ripicche"

Missione Sophia


Il governo tedesco ha annunciato che non prorogherà la missione Sophia a causa della disputa con il Governo Italiano sull'accoglienza dei rifugiati. La missione ha finora salvato 45.000 persone dall'annegamento durante il loro viaggio verso l'Unione Europea. Solo lo scorso fine settimana, più di 100 persone sono annegate. Ska Keller, presidente del gruppo Verts/ALE al Parlamento europeo e candidato dei Verdi europei per le elezioni europee, commenta:

"Il Governo Tedesco deve lavorare per il salvataggio in mare nel Mediterraneo. Abbiamo bisogno di un programma europeo di salvataggio cui partecipino tutti gli Stati e in cui l'accoglienza dei rifugiati sia regolamentata, in modo che la responsabilità sia equamente condivisa. Il blocco del Governo Italiano e l'incapacità dei governi dell'UE di trovare un accordo sulla distribuzione dei rifugiati sono costati molte vite umane. I governi dell'UE non devono chiudere gli occhi di fronte al disastro umanitario e devono aprire i propri porti, accogliere i rifugiati e fornire loro mezzi legali di approdo in Unione europea".

Queste le parole di Marco Affronte, Eurodeputato dei Verdi/ALE:

"L'infantile guerra di ripicche tra il Governo tedesco e quello italiano è un cattivo esempio di immaturità da entrambe le parti. E' un gioco sporco, fatto a spese di donne e uomini in carne ed ossa. E' tempo di smettere di trattare queste vittime come merce di scambio, come colpevoli, come subumani. Mi sarei aspettato una reazione più matura da Federica Mogherini, che invece si sta prestando a questo cinico scontro politico tra Italia e Germania. L'Unione europea deve fare di più per i migranti senza cedere ai capricci dei singoli Stati Membri."