Ruben de Rijcke (CC BY-SA 3.0)
en | de | es | fr | it
string(2) "78"
Press release |

I ministri dell'ambiente dell'UE ignorano la relazione dell'IPCC

Regolamento CO2/COP24

Sotto pressione dell'industria automobilistica e del governo tedesco in particolare, i ministri dell'ambiente dell'UE hanno concordato ieri sera tardi degli obiettivi, deboli, per le emissioni di CO2 delle automobili e dei veicoli commerciali leggeri e hanno chiesto solo un miglioramento marginale della proposta della Commissione europea.

I ministri propongono che le emissioni di CO2 delle auto nuove siano ridotte del 35% per le auto e del 30% per i furgoni entro il 2030.
La scorsa settimana, la maggioranza dei membri del Parlamento europeo ha chiesto una riduzione del 40 per cento per le autovetture. I negoziati tra il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione europea inizieranno a breve.

Anche la posizione negoziale dell'UE adottata per la conferenza delle Nazioni Unite sul clima a Katowice, Polonia, nel dicembre 2018, è debole. Lascia aperta la possibilità di fissare un obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra più elevato per il 2030, ma mancano un impegno e un numero chiaro. L'UE rischia di perdere un'enorme opportunità per rendere il prossimo vertice sul clima un successo.

Marco AFFRONTE, eurodeputato del gruppo Verdi/ALE del Parlamento europeo, commenta:

"I ministri dell'ambiente dell'UE stanno sabotando le nostre possibilità di salvare il clima. Solo un giorno dopo che il Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici ha chiesto un'azione radicale e la volontà politica di mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1.5c, sembra che governi nazionali come la Germania siano stati trainati dall'industria automobilistica. Possiamo raggiungere gli obiettivi climatici di Parigi e fermare il collasso climatico. Tuttavia, il settore dei trasporti deve fare la sua parte, ottenere risultati in termini di riduzione delle emissioni e ottenere i frutti dello sviluppo di nuove tecnologie e industrie.

"Anche i ministri dell'ambiente dell'UE hanno assunto una posizione debole in vista dei negoziati sul clima di Katowice. È assolutamente fondamentale che l'UE allinei l'obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra per il 2030 in linea con le scienze climatiche e con gli obiettivi dell'accordo di Parigi. Per fare questo abbiamo bisogno di una riduzione di almeno il 55% delle emissioni, ma il tempo stringe".

 

Recommended

Event

European Ideas Lab in Milan / online

Press release

Ruben de Rijcke (CC BY-SA 3.0)

WHO recommends tighter limits on air pollutants - EU m…

Press release

Greens/EFA call for increased action and ambition on c…

Publication

Photo European Union

Fit for 55 in light of IPCC report

Responsible MEPs

Bas Eickhout
Bas Eickhout
Vice-President

Please share