Car emissions
Ruben de Rijcke (CC BY-SA 3.0)

Press release


en | fr | it | de

Car companies must be held to account over possible collusion

Emissions cheating


The European Commission has just announced that it will open a formal investigation into whether BMW, Daimler and VW colluded to breach EU anti-trust rules around the roll-out of clean emissions technology.

Bas Eickhout environmental spokesperson for the Greens/EFA group in the European Parliament comments:

"Once again the companies behind Dieselgate, BMW, Daimler and VW are under suspicion for ganging up to use dirty tricks to promote deadly cars for huge profits. There are over 400,000 premature deaths each year from air pollution and these companies need to be held to account. If they won't change their behaviour and move away from dirty diesel after such massive public outcry and scientific evidence then the Commission should hit them where it hurts, in their pockets."

Le case automobilistiche devono rendere conto di possibili collusioni

Emissioni: la truffa


La Commissione europea ha appena annunciato che avvierà un'indagine formale per stabilire se BMW, Daimler e VW si siano accordati per violare le norme antitrust dell'UE sull'introduzione della tecnologia per le emissioni pulite.

Marco Affronte, portavoce per l'ambiente del gruppo Verdi/ALE al Parlamento europeo, ha commentato:

"Ancora una volta le aziende dietro a Dieselgate, BMW, Daimler e VW sono sospettate essersi coalizzate usando trucchi sporchi per promuovere auto letali, traendone enormi profitti.  L'inquinamento atmosferico causa oltre 400.000 morti premature ogni anno e queste aziende devono essere chiamate a rispondere delle loro azioni. Se non dovessero cambiare il loro comportamento, allontanandosi dal diesel "sporco" dopo le proteste pubbliche e le prove scientifiche sulla sua dannosità, la Commissione dovrebbe colpirli dove fa più male, ovvero nelle loro tasche".