Join the food revolution
Food campaign - The Greens/EFA in the EP

Press release


en | fr | de | it

GMOs fail to secure support of Member States

GMO maize appeal vote


An appeal committee of national experts has today voted on the European Commission’s proposals to authorize the cultivation of three genetically modified maize varieties and the import of a range of genetically modified maize varieties for use in feed and food. They have failed to reach a qualified majority in favour or against, so the decision will return to the Commission. The European Parliament's Environment Committee voted against their approval last week.

Commenting on the vote, Green food safety spokesperson Bart Staes said:

"With the European Parliament opposed, experts from Member States unable to reach consensus, and many EU countries having already banned cultivation on their own soil, the European Commission cannot give these GMOs the green light for cultivation.

"Many of the varieties proposed for import have not yet been tested by the European Food Safety Authority, leaving the evidence murky at best. The Commission should withdraw its proposals, and focus its energy on developing a safer and more sustainable agriculture that would better meet the needs of Europe's farmers and consumers."

Una maggioranza di Stati contro gli OGM

Organismi geneticamente modificati


Marco AFFRONTE, membro indipendente del gruppo dei Verdi/ALE al Parlamento Europeo ha dichiarato:

"Il voto dell'Italia contrario all'introduzione di due mais geneticamente modificati e contro il rinnovo di una terza varietà transgenica doveva essere ovvio e scontato.

E invece oggi ci troviamo a salutare con un sospiro di sollievo il ritorno del senno all'interno della delegazione italiana. Dopo la tremenda figuraccia del 27 gennaio, quando la Ministra Lorenzin decise, pare in disaccordo con il Ministro Martina, di votare a favore degli OGM nulla poteva essere dato per assodato.

Fra l'altro ancora non ci è stato spiegato il perché di quella situazione così imbarazzante per un Paese, il nostro, che dall'introduzione di coltivazioni standardizzate ha solo da rimetterci. L'Italia non può essere ambigua sugli OGM, i nostri prodotti di eccellenza, le nostre peculiarità devono essere protette dalle coltivazioni transgeniche senza se e senza ma."


Contact person

Phone Brussels
+32-2-2841669
Phone Strasbourg
+33-3-88174042

Responsible MEPs

Please share