@frank-mckenna
en | de | fr | es | it
string(2) "78"
Press release |

JEFTA: I Verdi/ALE votano "no"

Accordo di partenariato economico UE-Giappone (JEFTA)

Il gruppo Verdi/ALE ha votato contro la ratifica da parte del Parlamento europeo dell'accordo di libero scambio UE-Giappone.  Per i Verdi/ALE, questo accordo di libero scambio è in linea con i tradizionali accordi commerciali conclusi dall'UE e non affronta le questioni economiche attuali o le sfide agricole. Si tratta di accordi che aggravano anche la crisi ambientale e democratica.

Per il gruppo Verdi/Alleanza libera europea, la necessaria revisione della nostra politica commerciale richiede accordi commerciali moderni che abbiano come quadro generale gli obiettivi climatici di Parigi e gli obiettivi di sviluppo sostenibile fissati dalle Nazioni Unite entro il 2030.

Dichiarazione di Marco AFFRONTE, membro Verdi/ALE della commissione per l´ambiente e la salute pubblica:

"L'accordo commerciale UE-Giappone è il più grande accordo commerciale bilaterale mai firmato. Corrisponde a quasi un terzo del PIL mondiale e colpisce più di 600 milioni di persone. Tuttavia, non è stato oggetto di alcuna analisi attenta e completa da parte del Parlamento europeo. I gruppi di maggioranza conservatori, socialisti e liberali di questo Parlamento hanno ceduto alla volontà della Commissione europea e degli Stati membri (Italia compresa) di ratificare rapidamente questo accordo, evitando qualsiasi dibattito pubblico.

Ironia della sorte, questa votazione si svolge al culmine della COP24, quando il JEFTA è ben lungi dall'essere compatibile con l'accordo di Parigi. Ancora più debole dell'AACC sullo sviluppo sostenibile, il JEFTA non protegge adeguatamente i servizi pubblici e le sue disposizioni sui servizi finanziari non sono conformi alle regole introdotte dopo la crisi finanziaria. Le sue disposizioni relative all'ambiente, alla protezione dei lavoratori e alla qualità degli alimenti sono ancora più problematiche di quelle dell'AACC. E, a differenza di tutte le altre disposizioni, non sono punibili in caso di violazione da parte di una delle parti. In altre parole, il capitolo sullo sviluppo sostenibile è uno strumento di comunicazione per l'opinione pubblica, piuttosto che un imperativo.

Infine, la cooperazione normativa - forum informali che convalidano la compatibilità della legislazione con il JEFTA ancor prima che venga approvato - potrebbe offrire ai grandi gruppi privati l'opportunità di bloccare qualsiasi legislazione contraria ai loro interessi o di svelare la legislazione esistente, senza alcun controllo democratico.

Lasciando da parte i loro grandi discorsi sulla regolamentazione della globalizzazione e la lotta contro il riscaldamento globale, la Commissione europea, gli Stati membri e la maggioranza di questo Parlamento continuano la loro corsa cieca in avanti e cedono ai populismi un po' alla volta. Purtroppo, questa è l'ennesima occasione mancata, per la maggioranza politica europea, per tenere conto delle richieste dei cittadini di regolamentare la globalizzazione oltre che delle loro preoccupazioni per l'ambiente".

Recommended

Press release

EU Trade policy must prioritise human rights, in Weste…

Event

Ending Modern Day Slavery: Towards an EU Import Ban on…

Publication

Credit : Lola Merce
Illustration of Amazon buring

A devastating impact on forests

Publication

Credit : Lola Merce
Biodiversity in jeopardy

A destructive deal for biodiversity

Responsible MEPs

Marco Affronte
Marco Affronte
Member

Please share