© Nancy Louie
it | en | es | de | fr
NULL
Press release |

Il gasolio è finalmente considerato sostanza cancerogena per i lavoratori!

Salute sul posto di lavoro

Nel maggio 2016 la Commissione europea ha proposto di estendere il campo di applicazione della direttiva 2004/37/CE per rivedere i valori limite di esposizione professionale per gli agenti cancerogeni e mutageni* o anche per includerne di nuovi.

Finora il Consiglio ha rifiutato di includere le emissioni di gas di scarico dei motori diesel nel campo di applicazione della direttiva. Questa richiesta del gruppo Verdi/ALE, espressa già nella prima revisione della direttiva nel 2016 e sostenuta dai negoziatori del Parlamento europeo nella seconda tornata del 2017, ha infine portato a un compromesso. Il testo finale dell'accordo prevede pertanto un limite di 0,5 mg/m3 per le emissioni di gas di scarico dei motori diesel per 8 ore. Questa limitazione entrerà in vigore nella maggior parte dei settori due anni dopo la fine del periodo di recepimento della direttiva, o a priori il 2023, ad eccezione delle miniere e delle gallerie, per le quali si applicherà cinque anni dopo la fine del periodo di recepimento, o teoricamente il 2026.

Dichiarazione di Karima DELLI, presidente della commissione trasporti e membro della commissione per l'occupazione e gli affari sociali del Parlamento europeo:

"Il Parlamento europeo ha costretto i governi a riconoscere la natura cancerogena delle emissioni dei gas di scarico dei motori diesel. Si tratta di una vittoria innegabile per la salute dei lavoratori in Europa. Ogni anno, nell'UE, 3 milioni di loro vi sono esposti nel corso delle loro attività professionali.

È anche una vittoria nella nostra lotta contro il mito del gasolio pulito: perché, mentre i suoi misfatti tendono ad essere riconosciuti per la salute dei cittadini, la salute dei lavoratori è rimasta finora del tutto fuori dal radar sotto l'impulso di lobby aggressive da parte delle organizzazioni dei datori di lavoro. Grazie a questo accordo, cittadini e lavoratori sono ora considerati uguali di fronte ai pericoli dei fumi del diesel.

Infine, è una vittoria per coloro che credono nell'Europa come area di conquista democratica: questo storico accordo è la migliore prova dell'utilità dell'Europa nella protezione dei lavoratori".

(*) idrocarburi policiclici aromatici - benzene/tricloroetilene / metilendianilina/epicloridrina / etilen dibromide / dicloroetilene

Recommended

Press release

Offshore wind farm / CC0 Nicholas Doherty
Offshore wind farm / CC0 Nicholas Doherty

La guerra di Putin dimostra che l'UE deve scegliere le…

Opinion

MJ Haru CC0
white and yellow apartment buildings

Chi possiede davvero la mia città?

Event

Assembling Solar Panels

EVENTO ONLINE: PER UNA RIPRESA VERDE!

News

© Alexander Briel
European flag 530x390

Adesso l’Europa, adesso gli Eurobond

Responsible MEPs

Marco Affronte
Marco Affronte
Member
Karima Delli
Karima Delli
Member

Please share